ALL’ASTA IL RIVA DEL PRINCIPE RANIERI

A Villa Erba, il 25 maggio, va all’asta un motoscafo storico totalmente restaurato, compresi i motori originali.

 Riva Tritone Via Ranieri Kelly

Negli anni ’60, le estati della Dolce Vita movimentano Capri e la Costa Azzura. Principi, attori ed industriali sfrecciano a bordo delle creazioni dell’ingegner Carlo Riva che aveva ereditato dal bisnonno Pietro, maestro d’ascia, la capacità di creare barche dalle linee pure con motorizzazioni potenti.

All’inizio del 1958, Carlo Riva riceve un ordine per due Tritone dal signor Gianoglio, un ricco imprenditore tessile milanese che desidera regalare uno degli esemplari al Principe Ranieri III al quale era imparentato.

Nasce lo scafo con la chiglia numero 62, battezzato Via che diventa l’imbarcazione preferita di Ranieri fotografato spesso insieme alla moglie Grace Kelly nelle acque che circondano Monaco.

Bandiera di Monaco su Riva Tritone Via

Il modello Tritone debutta nell’immediato periodo post-bellico alimentato da due motori. Il Via di Ranieri è equipaggiato con due Chris-Craft MCL, 5,5 litri, sei cilindri, ciascuno in grado di sviluppare 175 CV a 3400 giri/min. Entrambi sono dotati di controllo elettro-idraulico del convertitore, denominato ‘Chris-O-Matic‘. Il sistema deriva dall’influenza dell’industria automobilistica americana che rese di moda l’avviamento con pulsante della trasmissione automatica.

Quadro di controllo Riva Tritone Via

Nel 2014 il motoscafo è riportato alle condizioni originali grazie ad un rinomato specialista incaricato da un precedente proprietario. Il restauro è durato diversi anni ed ha ripristinato le specifiche iniziali, incluso i due motori nr. 300557 completamente rifatti. La tecnologia attuale ha permesso di ricostruire la trasmissione Chris-O-Matic dandole una maggiore affidabilità.

Appuntamento da Sotheby’s, a Villa Erba, per l’asta del 25 maggio. La valutazione stimata si aggira fra i 350.000 ed i 450.000 euro. Molti scommettono sull’interesse di una star di Hollywood, George Clooney che ha contribuito a ridare fama al lago di Como nella stampa internazionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2019 SHOWTECHIES

Foto di Andrea Piva e Michel deRuijter per Sotheby’s

16225 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *