AQUA: YACHT AD IDROGENO

Un’imbarcazione dalle linee avveniristiche, alimentata ad idrogeno per un lusso eco-sostenibile.

Aqua yacht ad idrogeno

Nel 2017 avevamo parlato della prima barca, Hydroville, a ricevere la classificazione del Lloyd’s Register per il trasporto di passeggeri con motori ad idrogeno e diesel.

Le pile a combustibile con membrana a scambio protonico (Proton Exchange Membrane Fuel Cell PEMFC) sono utilizzate anche nello yacht Aqua, un concept in fase di sviluppo, ideato dall’olandese Sinot Yacht Architecture & Design in collaborazione con Lateral Naval Architects, con base a Southampton in Inghilterra.

Sander J.Sinot

Sander Sinot è un designer molto noto nel mondo dello yachting. Dopo aver lavorato alcuni anni a New York per Henry Dreyfuss, è rientrato in Olanda dove ha fondato, nel 1990, il suo studio specializzato in realizzazioni di lusso full custom.

Aqua prua alta e degradante verso poppa

Aqua s’ispira alla fluidità dell’elemento da cui prende il nome con tecnologie all’avanguardia in ogni parte dello yacht che misura 112,3 metri di lunghezza con velocità massima di 17 nodi e velocità di crociera fra i 10 ed i 12 nodi.

Serbatoi ad idrogeno e motori

Il progetto sfrutta il 100% di fonti alternative per raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni. Il disegno dell’alta prua si abbina ad una propulsione adeguata alle dimensioni da transatlantico con celle a combustibile con membrana a scambio protonico che garantiscono un rendimento maggiore rispetto ai generatori diesel e sono migliorabili riciclando il calore rilasciato per fornire acqua calda e riscaldamento. Due serbatoi trasportano 28 tonnellate d’idrogeno, ciascuno, immagazzinato a -253°C ed in grado di produrre 4.0 MW (megawatt) di energia.

Voith Schneider Propeller

Il sistema propulsivo, denominato Treadwater, è costituito da due motori cicloidali Voith-Schneider (VSP) ed un’unità Contra Rotating Propeller (CRP) o eliche controrotanti per ottimizzare la manovrabilità e l’efficienza con un aumento del 9% a velocità di crociera e del 7% a velocità massima.

Dettaglio piscina Aqua

L’acqua ha un ruolo centrale nella filosofia giapponese che sembra influenzare la visione di Sinot orientata alla serenità. Sia l’open lounge che la spa all’interno sono incentrate sull’esperienza rigeneratrice dell’acqua, un “mare tranquillum” dove la composizione simmetrica divide gli spazi in maniera armonica anche grazie agli arredi.

Aqua ponti con piscina a sfioro

Fra le caratteristiche più spettacolari dello yacht risaltano la piscina a sfioroinfinity in inglese, con una serie di cascate in sequenza quasi ad arrivare al mare e la scala circolare di collegamento fra i vari ponti con una soluzione che sembra sospesa nel vuoto.

Scalone centrale Aqua Sinot Yacht Architecture & Design

Divisori in listelli di legno, spesso su binari per essere scorrevoli come gli shōji giapponesi, tagliano l’eccesso di luminosità creando giochi di luci ed ombre, oltre a rappresentare un elemento decorativo.

Aqua Beauty Salon

L’Aqua Room è uno spazio minimalista, ma decisamente esclusivo che domina l’orizzonte alla sommità della prua. La vista a perdita d’occhio è a beneficio dell’armatore che potrà rilassarsi ascoltando musica nell’osservatorio protetto da una cupola in vetro incorniciata da una struttura in acciaio inossidabile.

Aqua room

Attualmente le regole internazionali della navigazione dovrebbero essere aggiornate per comprendere una corretta classificazione di Aqua.

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2020 SHOWTECHIES

Rendering: SINOT YACHT ARCHITECTURE & DESIGN e LATERAL NAVAL ARCHITECTS

71244 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *