DAVID BOWIE IS

Ripercorriamo le tappe di un talento che ha saputo mescolare musica, cinema e pittura in sperimentazioni originali e provocatorie.

David Bowie è morto a 69 anni, dopo aver lottato 18 mesi contro il cancro, a pochi giorni dal lancio del suo ultimo album Blackstar. Da diverso tempo non si esibiva, ma lo si è potuto vedere qualche settimana fa alla prima dello spettacolo Lazarus basato sulle sue musiche.

David Bowie is

David Robert Jones nasce a Brixton l’8 gennaio del 1947. Istrionico, edonista e raffinato collezionista d’arte ha rinnovato la scena musicale con le proprie visioni.

Nel 1972 la preview, a Londra, di Ziggy Stardust segna il debutto di uno dei più innovativi show della storia dei concerti. L’androgino che entra in contatto con gli “infiniti extraterrestri” seduce uomini e donne con attillati costumi ed eccentrici oggetti.

David Bowie costume e specchi

Il consumo di droghe e la minima assunzione di cibo lo fanno arrivare a pesare una quarantina di chili. L’alter ego diviene “Il sottile Duca Bianco”, un aristocratico cantante affascinato dalla teatralità e dall’esoterismo nazista. Anni dopo definisce immaturi gli interessi politici di quell’epoca tentando di tacitare le polemiche.

Bowie è stato anche un oculato amministratore della propria immagine diventando il primo artista, nel 1996, a quotare in borsa i suoi guadagni futuri ed a investire nel 1998 in internet creando il BowieNet.

David Bowie is manifesto

Nel 2013 è il protagonista della mostra “David Bowie is” organizzata dal Victoria and Albert Museum di Londra. L’allestimento colleziona oltre un milione di visitatori con un tour nelle più importanti gallerie d’arte contemporanee del mondo.

L’universo di Bowie è rappresentato attraverso 300 oggetti dell’archivio personale, creazioni del leggendario fashion designer Kansai Yamamoto e tecnologie audio immersive affidate a Sennheiser che ha rielaborato le vecchie registrazioni trasmettendole in automatico in determinati punti del percorso.

Oggetti collezione personale David Bowie

In particolare si sono messe in risalto le sue relazioni con il movimento surrealista, l’espressionismo tedesco ed il teatro Kabuki giapponese con un’esplosione di suoni e luci.

David Bowie primo piano occhi

Un tributo alla creatività di un uomo non convenzionale che ha influenzato centinaia di artisti a partire dagli anni ’70 fino ad oggi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © SHOWTECHIES

Foto di: VICTORIA & ALBERT MUSEUM – ART GALLERY OF ONTARIO – Elaborazione grafica SHOWTECHIES

5074 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *