HEDY LAMARR: STAR DI HOLLYWOOD E INVENTRICE DEL WIRELESS

Nota come la donna più bella al mondo, Hedy Lamarr brevettò un sistema di guida radio per il controllo a distanza dei siluri.

Hedy Lamarr attrice ed inventrice

Oggi 9 novembre 2015 il video-doodle di Google, realizzato da Jennifer Hom, è dedicato a Hedy Lamarr ed alla sua duplice carriera come stella di Hollywood e geniale inventrice che per combattere i nazisti, durante la seconda guerra mondiale, ideò una tecnologia capace di emettere radiofrequenze apparentemente casuali.

Bozzetto di Jennifer Hom

Hedwig Eva Maria Kiesler nacque in una famiglia dell’alta borghesia austriaca di origini ebraiche. Iscritta all’università d’Ingegneria lasciò gli studi attratta dal mondo dello spettacolo. Nel 1933 apparve nuda nel film Estasi di Gustav Machatý, ma il marito Fritz Mandl geloso la costrinse a ritirarsi dalle scene e cercò di comprare tutte le copie della scandalosa pellicola.

Mandl era un produttore di munizioni legato agli interessi germanici ed era impegnato nella ricerca di un sistema di guida a distanza per siluri. Hedy visse in una gabbia dorata fino a quando decise di divorziare e trasferirsi a Londra.

Logo MGM

Louis B. Mayer, fondatore della MGM, le aprì le porte di Hollywood dove interpretò alcuni film di grande successo come Le Follie di Ziegfeld, Sansone e Dalila di Cecil B. DeMille lavorando a fianco di attori famosi come Spencer Tracy, Clark Gable e James Stewart. Fu però costretta ad accettare film poco originali e forse i titoli più interessanti rimangono The strange Woman (tradotto in italiano in Venere peccatrice) di Edgar Ulmer ed Estasi.

Come ebrea convertita al cattolicesimo cercò di sensibilizzare lo star system contro la politica nazista in Europa, ma fu presa poco sul serio. Ad un party nel 1940 conobbe il compositore George Antheil e mentre stava accompagnandolo al piano ebbe l’intuizione del frequency hopping (salto di frequenza) da cui deriva lo spread spectrum. I due cominciarono a collaborare suddividendo le frequenze in 88 campi, come i tasti di un pianoforte ed inventarono un sistema di controllo a distanza ad onde radio in successione segreta concordata fra trasmettitore e ricevitore che rendeva impossibile l’intercettazione al nemico.

Brevetto Hedy Kiesler Markey co-inventore George Antheil

Il dispositivo fu sottoposto al National Inventors Council nel dicembre del 1940 e brevettato l’11 agosto del 1942 come “Secret Communication System” per renderlo immediatamente disponibile alle forze militari americane. Le dimensioni delle valvole termoioniche non rendevano appetibile il progetto che dovette aspettare la diffusione dei transistor. Il sistema fu rifiutato dalla marina ed Antheil scrisse ironicamente che probabilmente qualche ottuso aveva pensato che volessero mettere un pianoforte in un siluro.

Lamarr propose di trasferirsi a Washington per perfezionare la tecnologia, ma i pregiudizi la penalizzarono e fu invitata a contribuire alla raccolta fondi per la guerra offrendo baci a 25.000 dollari l’uno.

La scoperta fu usata nei primi droni di ricognizione in Vietnam e nella crisi cubana del 1962 per secretare le comunicazioni fra le navi impegnate nel blocco, ma l’invenzione era ormai di pubblico dominio con i diritti scaduti ed i due non guadagnarono nulla.

Nel 1997 Lamarr, rappresentata dal figlio Anthony Loder, ricevette il Pioneer Award dall’Electronic Frontier Foundation (EFF) per il suo contributo allo sviluppo della tecnologia spread-spectrum (trasmissione a divisione di spettro) che può essere usata nella crittografia, nelle comunicazioni dei telefoni cellulari, nei dispositivi wirelessGPS e Bluetooth.

Ritiratasi dalle scene, Hedy Lamarr morì in Florida il 19 Gennaio del 2000 ed il figlio Anthony compì l’ultimo desiderio spargendo le sue ceneri nei boschi intorno a Vienna.

Il 9 novembre è la Giornata degli Inventori in Europa proprio in onore di Hedy Lamarr, un risarcimento postumo alla genialità di una bellissima mente.

RIPRODUZIONE RISERVATA – © SHOWTECHIES

Foto di:  GOOGLE – WIKIPEDIA – MGM – SHOWTECHIES

15423 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *