MERCEDES-BENZ SSK CONTE TROSSI

La roadster dalla carrozzeria unica fa parte dell’esclusiva collezione di Ralph Lauren ed è una delle vetture più ammirate al mondo, Best of Show nei principali Concours d’Elegance.

Mercedes Conte Trossi a Villa d'Este

Ai primi del Novecento, Torino diventa la culla del design dell’auto grazie alla tradizione artigianale delle carrozze, mentre a Biella si concentrano piloti amatoriali d’auto o d’aereo. Il biellese ha un’anima commerciale portata a spingere sull’acceleratore. Gente che con macchine dai volumi imponenti prende le curve a tutta velocità finendo nella riva di qualche corso d’acqua o atterra nel campo del vicino perché il carburante è finito troppo presto.

Il conte Trossi è un degno rappresentante di questo mondo aristocratico ed innovatore. Appassionato di meccanica e velocità, Carlo Felice Trossi è un pilota gentiluomo. Figlio del conte Felice Trossi e di Clementina Sella, figlia di Vittorio Sella della famiglia d’imprenditori banchieri, Carlo Felice si dedica in maniera non professionale alle corse in auto.

Manifesto mostra dedicata a Conte Trossi

Nato a Biella, il 27 aprile del 1908, disputa nel 1931 la prima corsa di montagna Biella-Oropa a bordo di una Mercedes-Benz. Nel 1933 vince il 1° Circuito Automobilistico di Firenze con un’Alfa Romeo 2300 per poi aggiudicarsi il Circuito di Biella nel 1934, con un’Alfa Romeo P3 della Scuderia Ferrari, registrando anche il giro veloce.

Progettista, pilota, appassionato di nautica, armatore di un Baglietto, consulente per lo sviluppo del prototipo MP5 Piaggio (abbozzo della futura Vespa), Trossi ha una vita intensa e ricca di successi, ma breve a causa di un cancro che lo uccide a soli a 41 anni.

Nel castello di Gaglianico, in provincia di Biella, il conte ha un’attrezzata officina dove prepara l’ambiziosa vettura Monaco-Trossi con motore a due tempi e molto probabilmente anche la carrozzeria della Mercedes-Benz SSK. La prima auto si può vedere al MAUTO, mentre la seconda fa parte della raccolta privata dello stilista Ralph Lauren.

Mercedes SSK Sportwagen

Le ultime Mercedes-Benz “S”- “W-06” disegnate da Ferdinand Porsche sono alimentate da un motore a sei cilindri. Circa 372 di questi esemplari sportivi sono prodotti fra il 1927 ed il 1934, di cui 42 SSK, sigla per Super Sport Kurz ossia corta in tedesco.

La Mercedes-Benz SSK del Conte Trossi è del 1930, Il motore, numero 77644, sovralimentato ha un compressore “elephant”. I documenti di fabbrica attestano che lo chassis è imbarcato per Tokio dove non convince il compratore. Rimandato indietro viene spedito a Carlo Saporiti, a Milano.

Historica Selecta, una società di ricerche storiche italiane, nel 2009 si è occupata di ricostruire i vari passaggi arrivando a stabilire che lo chassis, prima di Trossi, appartiene ad Antonio Maino che conduce la Mercedes con carrozzeria Touring alla Mille Miglia del 1931. Il Pubblico Registro Automobilistico dell’ACI riporta i diversi cambi di proprietà.

Trossi Mille Miglia su Alfa Romeo - archivio Mercedes

La SSK con telaio °36038 è venduta a Trossi la prima volta nel 1932, ma il conte è diventato presidente della Scuderia Ferrari e la rivende. L’auto finisce nella capitale dove viene reimmatricolata con la targa che ancora conserva Roma 33253. Il conte però la ricompra nel 1933 decidendo di dotarla di una carrozzeria aerodinamica ispirata agli aerei.

Ralph Laurend e Russell a bordo Mercedes Conte Trossi a Pebble Beach

Nel 1934 la nuova carrozzeria è esibita in occasione della Coppa Ciano corsa a Livorno. Il conte muore nel 1949. Alla fine della guerra la Mercedes subisce diversi andirivieni fra America ed Europa per venire poi comperata da Ralph Lauren. Affidata alle cure di Paul Russell torna agli antichi splendori meritandosi i più ricercati Best of ShowPebble Beach nel 1993, Meadow Brook nel 1995, Villa d’Este nel 2007, Goodwood Cartier Style et Luxe nel 2008, Lime Rock Historic Festival nel 2015, Amelia Island nel 1996 come Mercedes-Benz Star of Excellence.

Il restauro è stato possibile grazie ad un’approfondita analisi condotta con la collaborazione degli eredi della famiglia Trossi e con gli altri proprietari.

Nel sito di Russell è raccontato un simpatico episodio. Smontando i vari pezzi del motore, si è notato come molte parti riportassero la numerazione interna della fabbrica, RB 1420-14, tranne la coppa dell’olio. Supponendo uno scambio per errore, con l’aiuto del collezionista tedesco Fritz Grashei si è cercato il componente originale fra vari proprietari fino a trovare il pezzo e ricomporre l’integrità di ben due SSK.

La Mercedes Conte Trossi è un’auto d’indiscutibile personalità oltre che di grande valore. Nelle fotografie si ammirano le dotazioni curate in ogni particolare, dalle linee dei parafanghi posteriori alla lavorazione del cruscotto di alluminio.

Un capolavoro di eleganza che non poteva finire in mani migliori. Quando vedremo in esposizione in Italia la Conte Trossi?

RIPRODUZIONE RISERVATA – © 2020 SHOWTECHIES Simona Braga

Fotografie: © BMW AG (VILLA D’ESTE) – DAIMLER AG ARCHIVIO MERCEDES – PEBBLE BEACH – RALPH LAUREN COLLECTION

 

27141 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *