PANASONIC AU-EVA1

Presentata una nuova camera compatta da 5,7k adatta per documentari, pubblicità e video musicali.

Dal Paramount Theater di Los Angeles, durante la Cine Gear Expo 2017, Panasonic ha anticipato le specifiche della camera che si posiziona fra la Lumix GH5 e la VariCam LT 4k.

Panasonic EVA1

Il modello ha un sensore Super 35mm da 5,7k di ultima concezione. Mitch Gross, Panasonic Cinema Product Manager ha illustrato le principali caratteristiche del Dual Native ISO: “E’ una maniera diversa di leggere le informazioni dei foto-conduttori preservando l’immagine. Dando due differenti ISO si separa il segnale dal rumore di fondo. Questo significa che si può passare da una sensibilità standard ad una più elevata senza incrementi di rumore.

Si utilizza, ad esempio, con un teleobiettivo oppure quando si decide di lavorare con bassi livelli di luce. Il sensore da 5,7k permette di registrare alla risoluzione massima per produrre output dettagliati in 4k, UHD o Full-HD. Inoltre nel futuro è previsto un aggiornamento del firmware che consentirà output RAW a 5,7k per prestazioni ulteriormente performanti.”

EVA1 Panasonic per produzioni indipendenti

I video sono memorizzabili su SD card nei formati: 4k fino a 60p2k fino a 240p. Il campionamento è 4:2:2 a 10 bit. Gli spazi colore V-log e V-gamut garantiscono un’ampia gamma HDR per una colorimetria paragonabile alla serie Varicam.

La EVA1 ha filtri ND (2/4/6 stop) e IRstabilizzazione elettronica dell’immagine (EIS), ingressi audio XLR, uscite HDMI e SDI. L’attacco è per obiettivi EF.

Panasonic EVA1 su gimbal

Le dimensioni compatte (17 x 13,5 x 13,3 cm) assicurano versatilità anche per budget limitati con un singolo operatore. La EVA1 è stata progettata per essere portata a spalla con soli 1,2 kg di peso del corpo macchina che la rendono adatta per gimbal come DJI Ronin, car rigs e riprese subacquee.

La EVA1 uscirà sul mercato nell’autunno 2017 ad un prezzo inferiore agli 8.000 dollari.

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2017 SHOWTECHIES

Foto di: PANASONIC

9161 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *