RIFLETTORI SU SANREMO

Luci traccianti ed una scala contenitore inserita fra ledwall con movimentazioni meccaniche ad animare la scena.

La riviera ligure si ravviva con la musica del festival più popolare in Italia. Cinque serate di spettacolo, glamour ed inevitabili polemiche a fare da sfondo ai 28 brani in gara, suddivisi fra 20 big e 8 nuove proposte.

Scenografia

© Riccardo Bocchini

Carlo Conti nel doppio ruolo di direttore artistico e presentatore fa da anfitrione alla trasmissione vetrina della canzone italiana. Squadra che vince non si cambia e per il secondo anno consecutivo il team tecnico è composto dal regista Maurizio Pagnussat, dall’architetto scenografo Riccardo Bocchini e dal light-designer Marco Lucarelli.

Scala prua su boccascena

L’impianto scenico della 66esima edizione del Festival di Sanremo ha una preponderanza di linee verticali con la scala verso il boccascena che ricorda la prua di una nave. L’ingresso a fondo palco è caratterizzato dalla temutissima discesa che si sviluppa in modo telescopico come i famosi bicchierini pieghevoli, oggetto cult dei pic-nic anni ’70.

Meccanismo scala

Il sipario polarizzato ed i ledwall sono mappati per le proiezioni grafiche ad integrare il disegno luci.

Elton John al piano

Luca Di Donato, area manager Italia della DTS, ci parla dei proiettori dell’azienda con sede a Misano Adriatico.

“Ci sono tre tipologie di fari. L’Evo è una testamobile in grado di lavorare come Spot e Beam. La lampada Osram Sirius HRI 440W ha un arco stretto che offre un fascio estremamente concentrato con una luminosità pari a 61.200 lux a 25 metri. Nello stesso tempo permette una perfetta miscelazione dei colori e la sovrapposizione degli effetti delle due ruote gobo ai quali si somma il brevetto DTS Dyna-Prism che consente la gestione dinamica del prisma. L’Evo può essere usato per coprire la scena con funzioni di fuori fuoco che ammorbidiscono i contorni per diffuse di colore o di supporto al beam per moltiplicare l’effetto tracciante.”

Tagli di luce su Noemi

Sanremo deve avere macchine per momenti ed aree diverse in uno spazio limitato. Quali specifiche hanno i vostri proiettori per soddisfare le richieste dei progettisti?

“La DTS ha investito molto nella ricerca di prodotti performanti. Il wash LED NICK NRG 1201 è amato dai direttori della fotografia per la qualità del colore dei 30 LED RGBW miscelati in un cilindretto di materiale vetroso che uniformizza l’emissione. Nick ed Evo hanno entrambi il sistema ’FPR‘ che permette una rotazione PAN a 360° ed un TILT di 270°.”

Raggiera luci su Arisa

Cosa è stato installato come beam?

“Il Raptor è un beam puro molto potente con lampada Osram Sirius HRI 330W che in soli 37 x 50 cm d’ingombro procura 150.000 Lux a 15 metri.”

Luci e grafica

I fari sono del service AMG International di Alex Vinciguerra, una realtà imprenditoriale che da 59 anni si affianca ai professionisti del settore in ambito televisivo e cinematografico per valorizzare le scelte tecniche e la creatività.

Laura Pausini su Ledwall

La serata inaugurale di martedì 9 febbraio è stata vivacizzata dalle battute di Virginia Raffaele che ha divertito senza dilungarsi. Le esibizioni dei super-ospiti hanno galvanizzato il pubblico con la bravura di Laura Pausini e con la padronanza scenica di Sir Elton John che ha emozionato con Your songSorry Seems to be The Hardest Word e l’anteprima italiana del suo nuovo singolo Blue wonderful, tratto dall’album Wonderful Crazy Night.

Scenografia luci

Gli ascolti della prima serata sono in linea con le cifre dello scorso anno con oltre 11 milioni di persone ed uno share del 49,48%, contro i 13 milioni del 2015.

Nell’attesa del temuto confronto della finale canora di sabato 13 febbraio con la partita Juventus-Napoli, vedremo nei prossimi giorni quali sorprese ci riserverà il Festival per mantenere viva l’attenzione sulla kermesse sanremese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © SHOWTECHIES

Foto di: DTS – RAI1 RICCARDO BOCCHINI – SHOWTECHIES – WIKIMEDIA

19374 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *