ROBLOX: GUADAGNARE GIOCANDO

In Italia scarseggiano i programmatori, ma esistono mezzi divertenti e per ogni età che danno gli strumenti per sviluppare semplici codici fino ad elaborare mondi virtuali con grafiche professionali.

Roblox, acronimo di RObot e BLOX (blocchi), è una piattaforma che permette di giocare online. La società con sede a San Mateo, in California, è stata creata nel 2004 da David Baszucki e Erik Cassel con il proposito di divulgare nozioni elementari di fisica a bambini ed adolescenti. Secondo i dati di comScore, nel 2017 Roblox ha scalzato Minecraft con 62 milioni di giocatori e vanta un incredibile numero di sviluppatori che guadagnano con l’opera del loro ingegno.

Diffusione Roblox

Il progetto è nato in sordina, ma è cresciuto grazie alla fantasia dei giovani utenti che dopo aver realizzato oggetti sono passati ad inventarsi dei mondi con storie originali impiegando Roblox Studio. Le ambientazioni caratterizzate da mattoncini di differenti colori e forme sono personalizzabili attraverso plugins ed altri strumenti, fra cui un insieme di modelli.

Personaggio Roblox

L’intuitività dell’applicativo consente anche ai più piccoli di creare le proprie trame, mentre gli adolescenti iniziano ad impratichirsi nell’uso del linguaggio di programmazione Lua per aggiungere dinamicità con giochi di ruolo e simulazioni.

I giocatori hanno la possibilità di unirsi in gruppo generando entrate virtuali con la promozione dei loro prodotti. A tutela della sicurezza dei minori, i genitori hanno la facoltà di bloccare la chat dove gli utenti si ritrovano per scambiarsi informazioni.

Piattaforme Roblox

Negli anni la piattaforma si è ulteriormente evoluta ed ora è vista da molti ragazzi come una risorsa economica e di lancio imprenditoriale. Il giro d’affari degli sviluppatori, esterni all’azienda, frutta un’articolata ripartizione dei copyright e sarà interessante seguirne il trend.

Roblox è compatibile con PCMaciOSAndroidXbox One ed Oculus Rift.

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2017 SHOWTECHIES

Foto di: ROBLOX

3151 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *