WATERLOO: SPETTACOLARE MESSA IN SCENA

5000 comparse, 300 cavalieri ed un centinaio di cannoni. Una grandiosa ricostruzione storica di quattro giorni permette di rivivere l’irreparabile sconfitta subita dalle truppe di Napoleone. 

Il 18 giugno del 1815 l’esercito francese si scontrò con le forze anglo-prussiane nella battaglia di Mont-Saint-Jean che divenne nota con il nome del quartier generale inglese: Waterloo. La località è situata a meno di 20 km da Bruxelles ed è tutelata dalla legislazione belga che ne ha preservato l’integrità a parte alcune installazioni poste per migliorare la comprensione delle manovre degli schieramenti.

Questa disfatta leggendaria mise fine ad un lungo periodo di guerre dando inizio ad un’epoca di pace che favorì la costruzione dei moderni stati nazionali e l’avvento della rivoluzione industriale.

Quadro di Inferno

Sono passati duecento anni dalla mattina in cui francesi attaccarono all’alba le armate britanniche al comando del Duca di Wellington, decisi a liquidarle prima dell’arrivo dei rinforzi del feldmaresciallo Blücher, già sconfitto a Ligny. L’assalto si sviluppò frontalmente fino al sopraggiungere dei prussiani che equipararono le forze in campo. I combattimenti durarono fino a sera quando i francesi assediati cominciarono a ripiegare disordinatamente.

Locandina ricostruzione storica

Per festeggiare l’importante ricorrenza, si sono predisposti quattro giorni di spettacoli ed eventi ai quali assisteranno appassionati e turisti da ogni parte del mondo oltre a capi di stato e rappresentanti di diverse nazioni, fra cui il Re e la Regina del Belgio, i reali d’Olanda, i Granduchi di Lussemburgo, il principe Edoardo d’Inghilterra e numerose personalità europee.

“I bivacchi”, dal 18 al 20 giugno, offrono ai visitatori la possibilità di scoprire l’organizzazione degli accampamenti con la vita quotidiana dei reggimenti, la manutenzione delle armi dell’epoca, gli esercizi per gli artiglieri e per le giovani reclute.

Locandina Spettacolo Inferno

Il 18 giugno alle 22.30 debutta lo show inaugurale “Inferno”. La direzione artistica è affidata a Luc Petit con giochi pirotecniciluci, danze e proiezioni che reinterpretano l’avvenimento in modo poetico attraverso dodici quadri ispirati all’opera “L’espiazione” di Victor Hugo.

Il 19 giugno, dalla 20.00 alle 22.00, la prima ricostruzione storica “L’attacco francese”. Al grido di “Viva l’Imperatore” i francesi si lanciarono sull’avamposto belga-olandese che celava l’imboscata inglese. I combattimenti si susseguirono violenti con continui ribaltamenti di fronte.

Luci e giochi pirotecnici sul campo di battaglia

Il 20 giugno, dalle 20.00 alle 22.00, il “Contrattacco degli Alleati”. L’azione si sposta nella fattoria fortificata di Hougoumont dove l’incapacità di Girolamo Bonaporte procurò innumerevoli morti per un obiettivo considerato secondario. Napoleone dovette intervenire ordinando intensi bombardamenti senza conquistare il sito.

Proiezione di Napoleone

Il resto è noto. I francesi si ritirarono, ma l’imperatore non perdette le speranze di recuperare la situazione fino a quando ogni resistenza fu annullata dalla superiorità numerica degli avversari. Napoleone si rifugiò a Parigi e poi, falliti i tentativi di riorganizzare l’esercito, provò a fuggire in America, ma venne bloccato dalla Royal Navy ed esiliato a Sant’Elena.

La mattina di Domenica 21 giugno sarà il momento conclusivo dedicato alle sfilate che coinvolgeranno i comuni di Braine-l’Alleud e Lasne.

Se volete entrare nel vivo della storia, prenotatevi per tempo per la prossima edizione che si svolgerà nel 2025. Intanto potete seguire gli eventi in livestream su: www.waterloo2015-live.org/en/events/1053233/the-french-attack

RIPRODUZIONE RISERVATA – © SHOWTECHIES

Foto di: WATERLOO 2015 – INFERNO

2814 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *