WATT EV COUPE’

La Porsche 356 ha ispirato i progettisti di una società inglese specializzata in piattaforme per veicoli elettrici che propongono linee rétro modernizzandole nell’ingegnerizzazione e nel design.

Watt Coupè EV

Watt Electric Vehicle Company, WEVC, è un’azienda con sede in Cornovaglia, nel sud-est dell’Inghilterra, affermatasi nella nicchia dei veicoli industriali elettrici grazie ad un modulo che supporta dalle vetture ai mezzi commerciali, con i requisiti ISO degli standard europei.

Piattaforma PACES WEVC

La piattaforma in alluminio Commercial EV Skateboard (PACES) è disegnata per adattarsi alle piccole produzioni con meccanismi che costituiscono una struttura rigida applicabile a molte forme EV, dalle auto sportive ai bus, FWD, RWD e AWD.

Bus EV WEVC

La nuova due posti s’ispira alle linee degli anni ’50 e sarà la prima coupé della casa ad utilizzare PACES. Il guidatore potrà contare su maneggevolezza e prestazioni grazie ad una distribuzione dei pesi 50:50 e meno di 1.000 kg di peso.

Integrazione chassis EV e design

Il motore elettrico sarà disponibile in due versioni, con un pacco batterie da 40kWh integrato nello chassis.

Porsche 356

L’automobile è un omaggio alla Porsche 356, une vettura che ha fatto epoca evolvendosi dalle linee del Maggiolino Volkswagen alla potente Carrera con modifiche che facevano parte del Programma tecnico (T1).

La WEVC Coupé è in prenotazione. Le caratteristiche della versione lancio prevedono un motore da 120kW, 0-62 miglia (100 km) in poco più di 5 secondi, 200 miglia (ca. 322 km) nel range WLTP, acronimo di Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure usato per determinare il consumo di carburante e le emissioni di scarico dei veicoli.

Le consegne sono previste a partire dal primo trimestre del 2022.

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2021 SHOWTECHIES

Foto di: PORSCHE -Watt Electric Vehicle Company WEVC

26301 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

1 Response

  1. Pierpaolo Manca ha detto:

    Non mi piacciono i cerchi del prototipo in foto, ne avrei scelto di esteticamente più allineati alle linee della carrozzeria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *