AIA INTERIOR DESIGN AWARD

Resi noti i progetti vincitori del prestigioso concorso architetturale riservato a studi con base negli Stati Uniti. 

Vista Google Spruce Goose

Foto di: Connie Zhou

L’American Institute of Architects (AIA) è stato fondato nel 1857 per promuovere la professione artistica, scientifica e pratica dei suoi membri valorizzandone il ruolo nella società.

A gennaio, sono stati pubblicati i sette vincitori del concorso d’Interior Design dove spiccano progetti con una visione innovativa degli spazi.

Fra i premiati, troviamo anche la sede di Google Spruce Goose a Los Angeles in cui ZGF Architects LLP ha saputo adattare un incredibile hangar suggerendo continuità e parallelismo fra Hughes e Google, secondo il commento della Giuria.

L’edificio risale al 1943 ed era un capannone di 41.800 metri quadrati destinati alla costruzione dell’aeroplano H-4 Hercules, detto Spruce Goose (Oca d’abete), dell’imprenditore Howard Hughes. La struttura è stata restaurata e trasformata, comprendendo zone di lavoro ed aree per eventi. Le arcate originali in legno sono state preservate procedendo ad un accurato rifacimento della spina centrale. Ogni piano varia in forma ed altezza aprendo inaspettati punti di vista e permettendo alla luce ambientale di entrare per un’illuminazione naturale. I percorsi sono pensati per facilitare l’interazione fra gli impiegati con dei ponti/passerelle che connettono i diversi livelli.

Spazi comuni per impiegati al Google Spruce Goose

Foto di: Connie Zhou

Le scelte decorative esaltano la texture del legno, con finiture opache, pavimento in cemento, tappeti monocromatici con arredi colorati. Murales di Hueman e di Kim West ricoprono alcune pareti con il secondo lavoro che riproduce l’epoca dell’eccentrico miliardario aviatore che ha ispirato la figura di Tony Stark oltre ad essere interpretato da Leonardo di Caprio nel film The Aviator diretto da Martin Scorsese.

AIA Awards Fondazione Ford New York

Foto di: Garrett Rowland

Un altro recupero di qualità arriva dalla sede della Fondazione Ford, a New York. La commissione giudicatrice del concorso ha evidenziato il design, firmato da Jungles Studio in collaborazione con SiteWorks, capace d’incorporare tecnologie high-tech senza intaccare la natura storica dell’edificio, ultimato nel 1968. Un esempio bilanciato adatto alla dignità del quartier generale della fondazione che dopo il restauro beneficia di maggiore trasparenza nella facciata. Grande attenzione alle persone con handicap fisici, con ingressi accessibili alle sedie a rotelle e segnali in Braille che aiutano i visitatori ciechi ad esplorare anche le piante del giardino.

AIA Awards 2020 Chicago Biblioteca Pubblica

Foto di: Tom Harris

Il legno torna protagonista nella Biblioteca Pubblica di Chicago West Loop Branch. Secondo la giuria Skidmore, Owings & Merrill sono riusciti a creare una sala accogliente che avvicina ai libri.

Il lavoro ha convertito degli studi televisivi in un nuovo centro culturale. I progettisti hanno preservato il carattere industriale degli esterni con interni con soffitto a travature curve ed un’atmosfera tipica dei loft con grandi aperture ottenute abbattendo muri non necessari per unificare l’ambiente. Il rinnovamento sfrutta anche la grafica per segnalare zone dedicate alla lettura per ogni età, postazioni digitali, un laboratorio per il tinkering, pareti con superfici dove si può scrivere ed elementi interattivi.

AIA 2020 Awards Dandelion Chocolate Factory

Foto di: Ryan Gobuty

La fabbrica di cioccolato Dandelion, a San Francisco, incarna lo spirito della marca grazie all’interior design firmato da Gensler che ha rivisitato un vecchio magazzino per ideare una sede con dettagli pensati per dare risalto alle tradizioni artigianali. Nel bar i visitatori possono gustare cioccolato ed espresso ad un bancone in sequoia, mentre il centro del salone ha una zona riservata alla degustazione del cioccolato, protetta da pareti in vetro.

AIA Awards Voxman Music Building

Foto di: Tim Griffith

La sala per la musica dell’Università dell’Iowa era stata seriamente danneggiata da inondazioni nel 2008. Il Voxman Music Building di LMN Architects dà forma all’acustica in una maniera originale che esalta l’uso dei materiali e del colore.

AIA Awards Corning Museum of Glass

Foto di: James Ewing/OTTO

Il Museo del Vetro Corning accoglie 500.000 visitatori all’anno ed è uno dei più popolari a New York con testimonianze di quasi 35 secoli di storia del vetro. Aperto nel 1951 ha vissuto 5 espansioni, l’ultima ala ha aggiunto 2415 mq dedicati all’arte del vetro contemporanea. Lo studio Thomas Phifer and Partners ha ricavato nuovi uffici per lo staff, una stanza comune per il pubblico e le scolaresche, un negozio ed uno spazio per dei workshop sulla lavorazione.

La motivazione della giuria sottolinea la bellezza dalle linee pulite con superfici che rimandano la luce ambientale diurna distribuita lungo l’esposizione. In caso di necessità luci LED e fluorescenti, attivate da sensori, intervengono per fornire sufficiente luminanza.

AIA Awards MASS MoCA Building

Foto di: Michael Moran

Il MASS MoCA Building completa la trasformazione di 28 costruzioni nel campus con il Museo di Arte Contemporanea del Massachusetts. Il percorso elaborato dallo studio Bruner/Cott Architects si snoda nel Building 6 dove le preesistenti parti diventano lo scenario per la galleria d’arte. Gli architetti hanno rinnovato in maniera sostanziale uno spazio caratterizzato da 1.000 colonne e pavimenti industriali aggiungendo un tetto in vetro, un salone all’estremità dell’edificio con ampie aperture per dare luce e ritmo bilanciando i volumi tra l’aspetto antico dato dai vecchi mattoni ed il recupero moderno.

RIPRODUZIONE RISERVATA – © 2020 SHOWTECHIES

Foto di: AIA Awards

16149 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *