LOVING VINCENT

Lo studio Breakthru Films presenta il primo lungometraggio animato che utilizza pitture ad olio per raccontare la vita di Van Gogh.

Loving Vincent

Pochi pittori esercitano un fascino pari a quello di Vincent van Gogh. Nato da un pastore protestante, decide d’iniziare la carriera come disegnatore per poi passare ai dipinti sviluppando una preferenza per la quotidianità. Il suo ricco carteggio ha aiutato a scrivere la trama di “Loving Vincent“, un film che investiga l’intensa esistenza ed i drammatici momenti della fine.

Campo di grano con volo di corvi di Van Gogh

8 anni, 800 lettere, 20 persone, 860 dipinti, 1026 disegni sono serviti per narrare la personalità dell’artista olandese nella produzione scritta e diretta da Dorota Kobiela. Questa giovane diplomatasi come prima nel suo corso all’Accademia di Belle Arti di Varsavia ha lavorato insieme al co-direttore e produttore inglese Hugh Welchman impiegando la tecnica ad olio con risoluzione a 8k.

Postazione PAWS

La realizzazione si è avvalsa di 70 pittori e della progettazione di una tecnologia proprietaria della BreakThru, denominata PAWS (Painted Animation WorkStations), per creare circa 56.000 keyframe in soli due anni. Per alcune scene sono stati utilizzati degli attori per riprese live proiettate in una speciale postazione dove gli artisti hanno ricostruito l’azione dipingendo ogni singolo frame.

Il vecchio e il mare di Petrov

Un procedimento simile era stato usato dal maestro russo Aleksandr Petrov che si è aggiudicato un Oscar nel 1999 per l’incredibile adattamento de “Il vecchio e il mare” in cui si è servito di tavole ad olio, colorate su vetro.

La BreakThru Films ha sede a Londra, Varsavia e Dublino ed è specializzata in short, documentari ed animazioni per le quali ha vinto un Oscar per Pierino ed il Lupo, un’opera in stop-motion diretta da Susie Templeton e basata sulla composizione di Sergei Prokofiev.

Dipinto animato

Loving Vincent” è stato sovvenzionato attraverso una campagna di crowdfunding lanciata nel febbraio del 2014 che ha raccolto 53.292 sterline. Inizialmente doveva essere pronto per la celebrazione del 125esimo anniversario della morte di Van Gogh nel 2015, ma il debutto è slittato al 2016.

RIPRODUZIONE RISERVATA – © SHOWTECHIES

Foto di:  BREAKTHRU – PETROV

5236 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *