UNA TURBINA VINCE IL JAMES DYSON AWARD

Il concorso internazionale di design valorizza progetti di studenti e neolaureati in ingegneria per ispirare una nuova generazione di prodotti utili. O-Wind ha vinto l’edizione 2018 con un premio di 30.000 sterline per Nicolas Gonzalo Orellana e Olguin Yaseen Noorani dell’Università di Lancaster.

Turbina vincitrice James Dyson Award

Sir James Dyson è conosciuto per aver inventato l’aspirapolvere senza sacchetto che lavora sul principio del ciclone.

Sir James Dyson

Per anni Dyson ha lottato con i costi da sostenere per produrre il suo brevetto. Dopo aver fatto fortuna, ha creato un ente filantropico che promuove un concorso rivolto a progettisti che pensano oggetti in grado di risolvere problemi impiegando principi ingegneristici semplici, ma efficaci. I giudici, soprattutto il fondatore, privilegiano funzionalità e sostenibilità.

Olguin Yaseen Noorani e Nicolas Gonzalo Orellana

Il 15 novembre sono stati resi noti i vincitori del 2018 ed il primo premio è andato a O-Wind Turbine. Il team inglese dell’Università di Lancaster, formato da Nicolas Gonzalo Orellana e Olguin Yaseen Noorani, si è ispirato alla tecnologia tumbleweed (il nome deriva dalla famiglia di piante che rotolano sul terreno portate dal vento, riprese spesso nei film western, ndr) della NASA che sfrutta il vento per alimentare i palloni rover sul suolo di Marte.

Primi test di O-Wind ispirato pallone rover

I ricercatori sono partiti dalla considerazione che il 3% delle villette in Gran Bretagna ha un impianto di energie rinnovabili per risparmiare sulle bollette. La maggioranza delle abitazioni in città però non ha le superfici per una soluzione efficiente. Le turbine eoliche occupano spazio e sono mosse da venti con direzione orizzontale, ma le correnti cittadine sono caotiche e si modificano rapidamente imprimendo cambi nelle forze ingestibili dalle tecnologie finora utilizzate.

Rendering venti in città fra palazzi

I due inventori hanno ideato un congegno capace di accumulare energia, adeguata ai consumi in appartamenti condominiali, con bassi costi di produzione e dimensioni ridotte, oltre ad essere facile da installare ed affidabile per molti anni. La ricompensa in denaro del James Dyson Award, pari a 30.000 sterline, è un aiuto al lancio della start-up, ma anche l’Università di provenienza ha ricevuto 5.000 sterline.

Prometeo di Gabriele Faro premiato al James Dyson Award

Tra i finalisti si sono piazzati Excelscope 2.0 (un apparecchio semi-automatico per la diagnosi della malaria) ed Air Chair che permette alle persone con handicap motori di impiegare una sola sedia a rotelle negli aeroporti, fino a bordo velivolo, invece di numerosi e scomodi trasbordi. Il vincitore nazionale è Prometeo, di Gabriele Faoro per il Politecnico di Milano. Il contenitore high-tech è un dispositivo per perfusione continua ossigenata ipotermica dedicato al trasporto epatico in grado di allungare la vita dell’organo espiantato proteggendolo nel trasferimento oltre a misurare una serie di parametri consultabili facilmente dagli operatori sanitari.

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2018 SHOWTECHIES

Foto: GABRIELE FAORO – JAMES DYSON AWARD – NICOLAS GONZALO ORELLANA & OLGUIN YASEEN NOORANI.

6954 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *