AL MET UN’ANTOLOGICA DELLA MODA FIRMATA DA GRANDI REGISTI

La mostra del Costume Institute esplora l’evoluzione della moda americana con sale allestite da Radha Blank, Janicza Bravo, Sofia Coppola, Julie Dash, Autumn de Wilde, Tom Ford, Regina King, Martin Scorsese e Chloé Zhao. 

Salotto disegnato da Frank Lloyd Wright messo in scena da Martin Scorsese

Frank Lloyd Wright Room regista Martin Scorsese

La sfavillante serata di gala 2022 del Met, ritornata al tradizionale primo lunedì del mese di maggio, ha avuto un dress code dedicato all’Età Dorata del diciannovesimo secolo, dai vestiti ai gioielli. L’appuntamento ha visto il trionfo degli stilisti italiani, in modo particolare dell’Atelier Versace scelto da Blake Lively, Gigi Hadid e Chiara Ferragni.

L’evento mediatico finanzia l’esposizione primaverile che quest’anno è intitolata “In America: An Anthology of Fashion” con tema l’evoluzione della sartoria statunitense dall’inizio del XIX alla fine del XX secolo.

Sala greca nell'Antologia della moda americana al MET

Greek Revival Parlor regista Julie Dash

L’esibizione apre ufficialmente al pubblico sabato 7 maggio ed è la seconda parte di un’esplorazione cominciata a settembre 2021 con Lexicon of Fashion. Entrambi i percorsi saranno visibili fino al 5 settembre 2022.

Abiti appesi nella sala di Chloe Zhao

Shaker Retiring Room regista Chloé Zhao

La prima parte ha un approccio generale, mentre l’Antologia svela storie sconosciute sfruttando l’immaginazione di alcuni famosi registi americani, come ha sottolineato il responsabile del Costume Institute, Andrew Bolton che insieme a Jessica Regan e Amelia Peck ha ispirato nove autori a creare dei freeze frame per evidenziare l’estetica sotto una prospettiva singolare scoprendo l’identità ed il ruolo sociale degli abiti.

Ambiente firmato da Sophia Coppola alla mostra antologica di primavera 2022 al MET

McKim, Mead & White Stair Hall regista Sofia Coppola

La mostra presenta circa 100 vestiti da uomo e da donna disposti nella storica cornice delle stanze d’epoca dell’ala americana del Met per proporre un secolo di vita domestica.

Camera da letto con manichino con vestito da sposa al MET

Haverhill Room regista Radha Blank

La narrazione si snoda attraverso storie personali e pubbliche per contestualizzare episodi culturali ed artistici e testimoniare il contemporaneo emergere di un design che inizia a distinguersi da quello europeo.

Ricostruzione della battaglia d'abiti di Versailles 1973

Vanderlyn Panorama regista Tom Ford

Un divertente scontro nel campo della moda fra Usa ed Europa è rappresentato dall’installazione di Tom Ford ospitata nella sala Vanderlyn Panorama dove una sorta di giostra simula il duello fra le creazioni dello stilista francese Yves Saint Laurent contro quelle di Donna Karan per ricordare il fashion show tenutosi alla reggia di Versailles, fuori Parigi, nel 1973 e vinto dagli americani, secondo i curatori.

Antologia MET Famiglia americana con tavolo delle carte rovesciato in primo piano e madre svenuta

The Benkard Room regista Autumn de Wilde

Autumn de Wilde è l’artefice delle stanze Baltimora e Benkard con due ambientazioni ricche di senso dell’umorismo e gusto per i dettagli, Radha Blank ha lavorato nella Haverhill Room, Janicza Bravo si è occupata del salone del revival rococò e della biblioteca del revival gotico, Sofia Coppola ha curato la McKim, Mead and White Stair Hall ed il camerino Worsham-Rockefeller, Julie Dash ha firmato i saloni del revival greco e rinascimentale, il sopracitato Tom Ford ha spettacolarizzato la galleria con il dipinto panoramico di Versailles del 1819 di John Vanderlyn, Regina King si è dedicata ad un salotto di Richmond (Virginia) del XIX secolo mentre a Martin Scorsese è stato affidato un soggiorno del XX secolo disegnato dal celebre architetto Frank Lloyd Wright e Chloé Zhao ha fatto lievitare Mother Ann Lee fondatrice della setta religiosa United Society of Believers in Christ’s Second Appearing (nota come Shaker dato che ricercavano l’estasi attraverso la danza o tremori, ndr), in un’austera Shaker Retiring Room degli anni ’30 dell’Ottocento.

Revival rococo con vestito da ballo blu in fondo

Rococo Revival Parlor regista Janicza Bravo

Il vestito da ballo blu collocato nel Revival Rococò è della stilista Marguery Bolhagen e fu indossato al ballo inaugurale per la presidenza di John F. Kennedy, nel 1961, da Austine Hearst moglie di William Randolph Hearst Jr, il secondogenito del magnate che ispirò Quarto potere di Orson Welles. La signora Hearst compariva regolarmente nelle cronache delle donne più eleganti dell’epoca grazie alla collaborazione con la stilista Bolhagen che cominciò a disegnare modelli unici per la propria clientela.

Vestito da ballo datato intorno 1961 di Marguery Bolhagen (1920–2021)

© Dario Calmese, 2021. Image courtesy of The MET.

Lo scenografo cinematografico Shane Valentino ha supervisionato entrambe le mostre insieme al Dipartimento di Design del Met, mentre il direttore della fotografia Bradford Young (Selma – La Strada per la libertàArrivalWhen They See Us) ha curato le luci.

New York vuole ritornare ad essere una delle mete turistiche più visitate al mondo ed il Museo Metropolitano rilancia l’importanza degli eventi.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA – ©2022 SHOWTECHIES

Foto: (c) The Metropolitan Museum of Art.– Le immagini sono coperte da Copyright. 

18797 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *