RAFFLES CITY – UN PONTE SU GRATTACIELI

La città di Chongqing sta completando uno spettacolare rinnovamento urbano progettato dall’architetto Moshe Safdie che apre nuovi spazi con un camminamento sospeso a 250 metri da terra.

Raffles City Chongqing

Chongqing è una municipalità cinese autonoma densamente popolata. L’insediamento è attraversato dai fiumi Jialing e Yangtze che hanno permesso di sviluppare il commercio verso il nord della nazione favorendo la crescita economica. Il più recente ampliamento è stato pensato per ridefinire il paesaggio con edifici che riflettono le ambizioni della città. L’incarico è stato affidato all’architetto israeliano Moshe Safdie, nato ad Haifa nel 1938 ma naturalizzato canadese, divenuto celebre per il complesso Habitat 67 realizzato durante l’Expo 1967 di Montréal.

In un’intervista, Safdie ha dichiarato di aver analizzato attentamente la maniera d’incorporare l’organizzazione cittadina nella verticalità dei fabbricati coordinando le infrastrutture per consentire agli abitanti ed ai turisti di passare del tempo lontano dall’inquinamento del traffico.

Veduta artistica grattacieli vele Raffles City Chongqing

Lo studio Safdie Architects, su commissione della società CapitaLand, si è ispirato al tradizionale trasporto fluviale per ricreare la suggestione di vele con dei grattacieli posti alla confluenza dei due fiumi nel distretto di Yuzhong, prossimo al quartiere degli affari. Una sfida esecutiva in cui sono impegnati 6.000 operai per un’area di 3 milioni di metri quadrati che comporta investimenti pari a circa 13 bilioni di dollari.

Otto edifici, due alti oltre 350 metri e sei che si elevano fino a 250 metri, costituiscono l’impianto per ospitare 1.400 appartamenti, 160.000 m2 di ufficizone commerciali, un hotel di lusso e stazione metro, con una piattaforma orizzontale appoggiata su quattro delle torri principali al 42° piano.

Cantiere Raffles City Chongqing

I lavori stanno procedendo velocemente e la televisione nazionale cinese ha trasmesso l’inizio della posa del ponte dopo soli 5 anni dall’apertura del cantiere. Il Presidente di CapitaLand, Lim Ming Yan, si è dichiarato entusiasta dei progressi che hanno richiesto lo sviluppo di speciali metodologie adatte a collocare questo tipo di megalite di cristallo.

La tecnologia BIM (Building Information Modelling) è stata impiegata per gestire le funzionalità dell’articolato layout. Il design include sistemi per ammortizzare le vibrazioni provocate da terremoti e l’intero progetto è stato sottoposto a simulazioni di resistenza per valutare l’impatto dei forti venti dissipando le energie prodotte grazie ad un certo grado di oscillazione.

The Conservatory su Raffles City Chongqing

The Conservatory sarà il cuore di Raffles City dove le persone potranno camminare, svolgere attività sportive, rilassarsi in piscina o fermarsi in uno dei locali distribuiti lungo la via pedonale ad alta quota.

Piscina The Conservatory Raffles City Chongqing

Nella moderna ed industriosa Cina sembra non esserci più spazio per i giardini urbani, ma Safdie ha integrato il verde nella piattaforma aerea che diventerà probabilmente il modello per altre future installazioni. Il cosiddetto “grattacielo orizzontale” entra nei record con una lunghezza di 280 metri. La struttura è realizzata con 12.000 tonnellate di acciaio ed è chiusa da 3.200 lastre di vetro e 4.800 pannelli di alluminio. Il posizionamento è stato efficientato dividendo l’intelaiatura in 9 segmenti di cui alcuni costruiti in-situ ed altri, fra cui le parti sospese fra i sostegni, sono prefabbricate e poi collocate da sistemi idraulici.

Sezione The Conservatory Raffles City Chongqing

Raffles City Chongqing è il primo progetto urbanistico su larga scala a ricevere la pre-certificazione Gold Level rilasciata dal Green Building Council degli Stati Uniti come riconoscimento all’alto livello di sostenibilità. Un concetto diverso dalla segregazione pianificata negli anni ’60 in Italia quando i caseggiati-dormitorio hanno contribuito al degrado dei quartieri periferici nelle principali città industriali del nord d’Italia. Una visione che restituisce all’architettura dignità e responsabilità civile.

RIPRODUZIONE RISERVATA – © 2018 SHOWTECHIES

Foto di: CAPITALAND – SAFDIE ARCHITECTS

8941 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *