FERRARI 70 ANNI

Il 12 marzo del 1947, Enzo Ferrari fece un giro nei dintorni di Maranello al volante di una 125 S, il primo prototipo di un marchio che incarna la passione motoristica del fondatore.

La casa automobilistica più famosa al mondo festeggia 70 anni con una serie di eventi che culmineranno nel weekend del 9 e 10 settembre, a Maranello.

Parata 12 cilindri Ferrari

Nella giornata inaugurale del Salone dell’Auto di Torino, si sono schierate le iconiche 12 cilindri Ferrari nel cortile del Castello del Valentino. Un’occasione unica per ammirare le esclusive sportive su cui risalta il logo del cavallino rampante ereditato dall’asso dell’aviazione Francesco Baracca, con l’aggiunta dello sfondo giallo in onore della città di Modena dove Enzo Ferrari nacque nel 1898.

Flavio Manzoni con la Ferrari 488 Spider

L’architetto Flavio Manzoni, Senior Vice-President del Design Ferrari, ci ha illustrato le principali caratteristiche delle novità esposte nello stand visitato da migliaia di persone.

“Per celebrare questo importante anniversario, abbiamo creato una collezione con 70 livree completamente diverse fra di loro che si ispirano a modelli del passato.

Ferrari 488 Spider British green

La 488 Spider, di un bellissimo verde British, richiama la 365 P/2 del 1966. E’ un’auto che vanta prestazioni da pista, ma permette di vivere la potenza e l’agilità nell’uso quotidiano.

La 488 ha un’aerodinamica con generatori di vortici che accelerano l’aria facilitando lo schiacciamento della vettura a terra. Le prese d’aria laterali degli intercooler s’innestano sulle portiere enfatizzando l’aspetto grintoso.

Design Ferrari GTC4 Lusso

(c) Ferrari

La GTC4 Lusso è una Formula Uno in abito da sera con 4 posti ed un’avanzata tecnologia di bordo. La plancia offre un Dual Cockpit con gran parte della strumentazione a disposizione del pilota presente anche di fronte al passeggero per un maggior coinvolgimento dell’esperienza di guida.

Plancia e selleria GTC4 Lusso

L’infotainment prevede uno schermo touchscreen ad alta definizione da 10,25 pollici, mentre gli interni combinano elementi tecnici in carbonio e metallo con una pregiata selleria, tipicamente italiana.”

Ferrari 812 Superfast

Manzoni ha anche disegnato la spettacolare 812 Superfast, la Ferrari stradale più performante di tutti i tempi con un propulsore 12 cilindri da 6,5 litri che eroga 800 CV con la potenza massima raggiunta a 8500 giri/minuto. La supersportiva è stata ideata attorno ad un’architettura transaxle con la fiancata che accorcia otticamente il posteriore dove spicca lo spoiler per garantire il carico verticale.

Ferrari collezionisti Castello del Valentino

Nel pomeriggio, il piazzale dell’antica residenza dei Savoia si è animato con le rombanti auto di privati collezionisti. La prima a varcare il cancello è una 250 GT/E 2+2 del 1962 appartenuta al pilota Ludovico Scarfiotti che la guidò con Lorenzo Bandini alla vittoria della 24Ore di Le Mans.

Collezionista Ferrari 250 GT/E 2+2

L’attuale proprietario ci ha evidenziato come il modello proponga i canoni cari a Pininfarina con il padiglione particolarmente inclinato verso la coda per migliorare il comfort degli occupanti. La 250 GT era conosciuta come l’auto preferita da imprenditori ed artisti.

Ferrari 250 GT/E 2+2 del 1962

Solo il 2% di questa serie fu ordinato nel classico rosso a vantaggio di diverse tonalità metallizzate. L’accostamento della carrozzeria blu notte, molto cangiante grazie alle scaglie di mica, con gli interni color cognac ebbe grande successo e fu scelta da Onassis per un’identica vettura regalata a Maria Callas.

La casa di Maranello ha realizzato uno speciale sito web dove gli appassionati possono informarsi sui festeggiamenti con notizie aggiuntive su esemplari e personaggi che hanno contribuito a creare il mito del cavallino.

Sulla nostra pagina Facebook e su YouTube, l’intervista a Flavio Manzoni e la parata delle Ferrari in mostra al Castello del Valentino.

RIPRODUZIONE RISERVATA – © SHOWTECHIES

Immagini e video: (c) Simona Braga ShowTechies

23462 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *