LA DIVINA BELLEZZA

Il fascino e la storia di Siena rivivono in uno show di video-mapping attraverso l’uso di proiezioni e luci.

Siena è ricca di fatti, personaggi ed aneddoti degni di essere raccontati a partire dal Duomo, uno dei monumenti più belli e complessi d’Italia con lo stupendo pavimento intarsiato con marmi di diverso colore.

Proiezioni sul facciatone

Dal 24 luglio al 30 settembre 2015, il patrimonio artistico-culturale della città diventa protagonista di uno spettacolo di projection mapping.

Alfredo Accatino, autore televisivo, blogger e scrittore ci parla della sua ultima avventura creativa che segue di poco la pubblicazione del libro “The events master” per ADC/Longanesi.

Come nasce un progetto di così ampia portata?

Filmmaster è stata una delle prime società a lavorare con le grandi proiezioni d’immagini. Oggi fa parte di un gruppo che si chiama IEN (Italian Entertainment Network) che comprende le eccellenze di Civita ed Opera. All’interno di questa struttura ci siamo ingegnati per unire le conoscenze e le tecnologie dello spettacolo mettendole al servizio dell’arte. Abbiamo scelto Siena proponendo al rettore dell’Opera della Metropolitana, Gian Franco Indrizzi, di mostrare la storia in modo originale. L’idea è stata accolta con entusiasmo tanto da essere sottoposta al Sindaco ed alle autorità Comunali. Lo show è innovativo anche come strumento di marketing territoriale per prolungare il soggiorno e le visite dei turisti alla sera.”

Tramonto a Siena

Come si sviluppa il racconto?

“Non è stato facile occuparmi dello story-telling perché è complicato riassumere le evoluzioni della città nei secoli. Partendo dal presente si rivela l’identità di Siena che si è rinnovata attraverso due elementi significativi: la Bellezza e la Passione. La bellezza dei dettagli si combina alla passione per viaggiare fino al 1300 quando il Comune era uno dei centri più importanti d’Europa. Ad un certo punto il governo, sapendo che Firenze sta costruendo un grande Duomo, decide di ampliare la propria cattedrale. Abbiamo chiamato questo periodo Il sogno dell’architetto che s’interrompe allo scoppiare della peste. I lavori si bloccano e rimane solo la facciata incompiuta, il cosiddetto “facciatone” che usiamo da superficie per le nostre proiezioni.”

Il facciatone del Duomo Nuovo

Quali scelte sono state fatte per valorizzare estetica e contenuto?

“Esiste un’alternanza di temi che toccano diverse corde, dalla ricostruzione storica, all’emozione con momenti in cui ci concediamo qualche trucchetto per un finale che esalta la spettacolarità.

Colline senesi

Ogni rappresentazione dura circa 30 minuti con il mapping che copre tutta la facciata con un 2D artistico ed effetti 3D. Le pareti laterali sono coinvolte per ottenere un risultato immersivo per il pubblico. Le luci servono anche per evidenziare dei particolari, fra cui le colonne che s’individuano con puntamenti mirati. Inoltre usiamo dei Gobo per far comparire delle scritte sul Duomo.”

Chi ha partecipato alla realizzazione delle varie fasi?

“Collaboriamo abitualmente con Romain Sabella che ha curato la regia visiva con la staff di Clonwerk, mentre l’art-director è un talento inglese, Charles Darby, uno dei più famosi matte-painter al mondo avendo lavorato a titoli celebri come TitanicThe MatrixMinority ReportHarry Potter.

Invece di percorrere la solita strada, si è affrontato un investimento importante per rendere la creatività italiana competitiva a livello internazionale. Non è più possibile limitarsi a proiettare delle semplici immagini, ma si devono impostare cose dinamiche sostenendo costi impegnativi.

Non abbiamo chiesto un euro a nessuno e siamo diventati co-produttori dell’evento con il Comune che ci ha dato una concessione per tre anni della zona in piazza Jacopo della Quercia dove faremo, tutte le estati, questo show che si arricchirà di nuovi elementi.”

Macchine medievali

Ci descrivi i momenti che ti hanno maggiormente colpito?

“Ci sono numerosi episodi di notevole impatto, ad esempio la ricostruzione del Duomo con i macchinari medievali o la rievocazione della nascita di Siena attraverso il simbolo del suo scudo bianco e nero. Secondo la leggenda i colori sono quelli dei due cavalli con i quali Senio ed Ascanio, figli di Remo e fondatori della città, scapparono dallo zio Romolo che li voleva uccidere. La vicenda è stata liberamente reinterpretata da Darby con un tocco di fantasy.

Storia e fantasy

E poi quello che penso sarà il cuore dello show ossia quando mostreremo i capolavori della Cattedrale in modo inusuale con effetti macro e di morphing, senza dimenticare un viaggio nel pavimento che si vedrà con un livello di definizione impressionante. Calcola che ogni immagine è di 6,5 milioni di pixel.”

Cambio di prospettiva su sculture

Quali tecnologie si sono usate?

“Sul facciatone ci sono 9 proiettori HD della Christie da 20.000 ansilumen che coprono 833 m2. L’architettura dalle dimensioni monumentali è stata suddivisa in tre sezioni (inferiore, centrale, superiore) ed ogni zona è stata rivestita con l’output generato da 3 proiettori allineati elettronicamente. Le pareti laterali sono illuminate con 6 proiettori Stark, 12 sagomatori e 6 panorama per le arcate. I controller sono una consolle Spark 4D con mediaserver Ventuz.”

Maestà di Duccio di Buoninsegna

Ci anticipi cosa dovremo aspettarci nel futuro di questa produzione?

“Uno dei fatti interessanti che posso dirti è che la base dell’attuale lavoro servirà per lo sviluppo del prossimo anno dove si mescoleranno mapping e performance live in cui pensiamo di coinvolgere l‘Accademia Musicale Chigiana per avere musicisti, ballerini ed attori del territorio.”

Ermete Trismegisto nel pavimento del Duomo

La scopertura straordinaria del pavimento del Duomo, il Palio e La Divina Bellezza vivacizzeranno la calda estate senese. Se vi avanza un po’ di tempo non perdetevi le pasticcerie e le cantine per nutrire il corpo e rinfrescare lo spirito. Buone vacanze e continuate a seguire ShowTechies!

Info:

Due spettacoli  ogni sera (ore 21.15 e 22.15) dal 24 luglio al 30 Settembre 2015

Lo show s’interromperà dal 13 al 16 agosto per il Palio di Siena.

Prezzi: biglietto intero 13€, ridotto 8€ per bambini dai 7 agli 11 anni, studenti universitari fino ai 26 anni e giornalisti con tessera. Entrata gratuita per bambini fino ai 6 anni e portatori di handicap.

Tutti i prezzi e le possibili variazioni sono consultabili all’indirizzo: www.ladivinabellezza.com

RIPRODUZIONE RISERVATA – © SHOWTECHIES – Simona Braga

Foto di:  FILMMASTER – CIVITA – OPERA – SHOWTECHIES – RIPRODUZIONE RISERVATA. Si ringrazia per la collaborazione Giulia Maggi di Filmmaster.

5483 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *