LA REALTA’ VIRTUALE AL CINEMA

Girare a 360 gradi permette agli spettatori di calarsi in modo immersivo nei giochi ed ora anche nei film.

Il Sundance Film Festival, creato da Robert Redford nel 1978, si contraddistingue per il sostegno a sceneggiatori, registi e produttori indipendenti capaci di raccontare storie perfino con budget limitati, come Tangerine nel 2015. L’edizione appena conclusasi ha sancito l’entrata della realtà virtuale nella cinematografia con 30 esperienze VR, comprese installazioni e lavori per dispositivi mobili, nella sezione New Frontiers.

Leviathan Project

Fra le opere più interessanti, Alex McDowell e Bradley Newman hanno presentato The Leviathan Project sviluppato da 5D World Building Media Lab sulla trilogia di Scott Westerfield. L’azione si svolge nel 1895 ed i partecipanti sono invitati ad esplorare un laboratorio scientifico situato sotto un’enorme balena.

Giant

Giant di Milica Zec e Winslow Porter è ambientato in una zona di guerra con due genitori che tentano di distrarre la loro bambina narrandole di un mondo fantastico. Girato in 6k, con DepthKit SDK, s’ispira all’infanzia di Zec in Serbia ed usa la realtà virtuale per trasmettere la sofferenza e la paura degli innocenti che cercano di sopravvivere nei conflitti in cui sono coinvolti.

DepthKit SDK

Philipp Maas e Dominik Stockhausen hanno portato Sonar condividendo sul web l’esperienza realizzativa. Influenzati da titoli come AlienThe Abyss 2001: Odissea nello Spazio oltre che dai lavori di Auguste Rodin sono rimasti affascinati da Oculus Rift DK1 rendendosi però conto di come fosse pensato soprattutto per il gaming.

Sonar

Sonar è un viaggio di un drone su un asteroide sconosciuto dove si sono rilevati degli strani segnali all’interno di un antico e misterioso labirinto. Il corto della durata di 6:20 minuti usa il 3D stereoscopico omnidirezionale (360°) generato da un computer con una risoluzione 4k a 60 fps.

Google Cardboard

Aziende importanti come FoxGoogleOculusSamsung e Sony credono nella realtà virtuale, ma devono affrontare la mancanza di contenuti.

Samsung si è lanciata con entusiasmo nel nuovo business con visori venduti come accessori ai Galaxy ed il responsabile marketing negli Stati Uniti, Marc Mathieu, ha annunciato che la società coreana in collaborazione con il Sundance Institute aprirà a New York uno studio per girare film utilizzando la realtà virtuale.

Simulatore di volo VR Birdly

Le prospettive stanno elettrizzando i film-maker per la possibilità di sperimentare una forma totalmente diversa nel linguaggio maturato in oltre 100 anni di storia del cinema. La tecnologia consente agli spettatori di muoversi nella scena scegliendo una personale visione con conseguente cambio della narrazione.

Continuate a seguirci e vi aggiorneremo sulle principali novità nei dispositivi per la realtà virtuale.

RIPRODUZIONE RISERVATA – © SHOWTECHIES

Foto di:   BIRDLY – GOOGLE – PHILIPP MAAS – OCULUS – SAMSUNG – SUNDANCE FILM FESTIVAL

3779 Persone hanno letto questo articolo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *